LINK UTILI
 
 
 
 

ARTICOLI

2012
31-05-2012 Derivati, i 768 milioni investiti da Enpam
06-02-2013 Assenze in aula.
06-02-2013 Di Pietro e Gallone,tra i parlamentari piu' 'stakanovisti'
14-06-2012 Bilanci a 50 anni,Casse con le mani legate
12-05-2012 Casse private con meno iscritti
17-04-2012 Stabilizzazione del 5 per mille
11-04-2012 Casse e immobili, bene la gestione
29-03-2012 Sla e ricerca. Nuovi finanziamenti
09-02-2012 L'ente degli psicologi non convince
10-01-2012 Per l'abuso del diritto si preparano i 'paletti'
10-01-2012 Legge contro l'abuso di diritto
2011
05-06-2011 'Ridurre i controllori e favorire la fusione degli enti'
23-06-2011 Botta e risposta sui conti Enpam
10-06-2011 Jannone ' E' l'ora della responsabilita' '
21-04-2011 'Troppi controlli sulle imprese'
22-03-2011 Casse, parte l'indagine sull'immobiliare
2010
18-12-2010 'Enti pensione? Piu' responsabilita' '
22-12-2010 Casse di previdenza. Stretta sui controlli
18-12-2010 'Casse, investite in modo semplice'
27-08-2010 'Liturgie sindacali da superare,ma sui 3 operai Marchionne ha sbagliato'
02-08-2010 Dossier Casse di Previdenza
Asl risponde a Jannone: piu' ore per la prevenzione
08-07-2010 Le Regioni imparino a sfruttare i fondi Ue
06-07-2010 Polemiche? Soltanto dialettica
26-04-2010 Imprese - Edilizia: a rischio quel 60% di personali
23-04-2010 Troppo concentrati su Lehman
10-04-2010 Università sottofinanziata: parlamentari in campo
15-01-2010 A Levate e Stezzano parcheggi entro l'anno
   
2009
17-11-2009
Fondo garanzia più ricco nel 2010
03-11-2009 Sindacati e politici: si al "tavolo" anticrisi
12-10-2009 Penalizzato chi è in regola, la norma va cambiata
29-08-2009 MYAIR: Jannone chiede audizione presidente ENAC
01-09-2009 Criteri omogenei per i bilanci
09-06-2009 Interrogazione n° 4-03196 pubblicata sul rsoconto sommario n° 184 del 09/06/2009
   
2008
28-03-2008

JANNONE VINCE LA GARA DEI DEPUTATI

09-02-2008 BILANCIO - Le Onorevoli fatiche dei parlamentari bergamaschi

-----------------------------------------------------------------------------------------------

A MARZIO TREMAGLIA

Marzio Tremaglia era un uomo con cui era facile parlare: sapeva ascoltare, amava replicare.
Anche quando la malattia lo aveva aggredito, riusciva ad infondere una serenità che obbligava gli interlocutori a riflettere riguardo ad una forza interiore che appariva inespugnabile.
Un giorno mi sentii in dovere di chiamarlo per avvisarlo che suo padre Mirko, nonostante avesse subito poche ore prima un'operazione chirurgica molto seria, era intenzionato ad intervenire alla Camera dei Deputati dopo una trasferta da Bergamo a Roma già di per sé proibitiva.
All'ordine del giorno dell'assemblea di Montecitorio c'era il voto degli italiani all'estero e Marzio sapeva che per suo padre era una ragione di vita oltre che un impegno morale, per cui mi rispose:

"tu sai che mio padre è partito da quarant'anni per questa guerra e che è impossibile fermarlo. So che sta rischiando, so che dovrebbe stare a casa, ma nella vita ci sono battaglie che valgono più della vita stessa e nessuno potrebbe insegnare questo principio proprio a mio padre.
Ti chiedo solo un favore, stagli vicino quando chiede la parola e fammi sapere quando ha finitoâ?¦"
.


Mirko Tremaglia barcollò, sembrò svenire, ma portò a termine il suo discorso, aggiungendo un ulteriore tassello alla conquista del voto atteso da milioni di italiani all'estero.

Credo che Mirko abbia lavorato a innumerevoli iniziative, ma sono convinto che il suo capolavoro, compiuto condividendone i meriti con la moglie Ita, sia proprio Marzio.
E pur avendo affrontato infinite battaglie, ora il destino gli ha riservato la più dura.
Ma la perdita è gravissima anche per Bergamo.
Marzio Tremaglia era, non me ne voglia nessuno, di gran lunga il migliore esponente di partito che questa provincia abbia mai espresso.
Per chi, come il sottoscritto, tenta di impegnarsi in politica resta un punto di riferimento, una guida.
Figlio d'arte, ha sempre svolto con passione e convinzione il suo ruolo; con la stessa dedizione e con lo stesso impegno sia che si trattasse di affiggere manifesti negli anni in cui si rischiava fisicamente, sia quando fu chiamato ad altissimi incarichi istituzionali.

L'assessorato alla cultura ed alla trasparenza della Lombardia sembrava disegnato su misura per lui: la cultura della Regione più importante d'Italia affidata ad un uomo colto e raffinato, la delega per la trasparenza attribuita a chi ha fatto della morale in politica il dogma del proprio impegno.
Eppure, nonostante i risultati eclatanti, riconosciuti da alleati ed avversari, colpiva la modestia e la semplicità del personaggio.
Quando divenni deputato, occupando un posto che un fine politico come Marzio meritava cento, mille volte più di me, si complimentò, offrendomi collaborazione ed invitandomi a leggere alcuni testi. E proprio i libri erano la sua passione: mi divertiva quando raffrontava le pagine scritte dai grandi della letteratura con la realtà di ogni giorno, fatta talvolta di pochezze e di dolore.

Si racconta che Federico Fellini si commosse più per l'applauso spontaneo dei taxisti di Roma che per il tributo della platea di Hollywood.

Ebbene io credo che le ovazioni sincere, non di circostanza, che l'intera città ha donato a Marzio siano un segno importante di gratitudine che tutta una comunità, indistintamente, gli ha voluto riservare.
Perché in Chiesa, in comune, al cimitero, c'erano davvero tutti: i leader nazionali dei partiti, gli amici di una vita di Alleanza Nazionale, la squadra eccezionale con cui ha condiviso molti anni in consiglio comunale e � tanta gente.

C'era persino Stefano Callioni, artista originalissimo che Marzio sapeva ascoltare durante le passeggiate in Piazza Vecchia, felice, sereno attorniato da quei figli che ne rappresentano la continuità, anche nel coraggio con cui hanno affrontato questa tragedia.
A loro verrebbe voglia di dire che un giorno capiranno che il loro papà è tra i pochi che hanno speso una vita affinché la vita degli altri fosse migliore, a loro verrebbe voglia di dire che Marzio è riuscito con il suo lavoro a dare dignità alla politica, a riavvicinare i cittadini alle istituzioni, a rendere arte una professione.
E di questi bambini, della moglie, di questi splendidi genitori ha colpito proprio la dignità, la forza con cui è stato affrontato il dolore.
Sullo sfondo la stessa inspiegabile, sacrale serenità che si leggeva sul sorriso degli ultimi giorni di Marzio, uomo troppo intelligente per non aver compreso da tempo che la fine non era lontana.

La morte è ineluttabile, ma a pochi è riservato l'onore della immortalità del ricordo.

Giorgio Jannone

Pubblicato dal "Secolo d'Italia"
In memoria di Marzio Tremaglia.

VIDEO
QUARTA LEGISLATURA
FOTO